ESORADIONET - Domenico Muratore

Francesco Deodato


Francesco Deodato nasce a Jonadi (VV) il 7 giugno 1955. Da giovane studia Medicina prima a Firenze poi a Napoli. Nel 1980 lascia gli studi scientifici per quelli militari. Dal 1981, come Ufficiale, ha prestato servizio a Roma, Belluno, Palermo, Catanzaro, Cosenza e, dal 2007, nuovamente a Catanzaro, ricoprendo prestigiosi incarichi direttivi e di comando. Ha frequentato con successo la Scuola di Guerra di Civitavecchia. E' titolare di numerosi riconoscimenti come l'Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana, Cavaliere al Merito Templare (O.S.M.TH.), Benemerito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Benemerito della Camara Municipale di Paty do Alferez (Stato di Rio de Janeiro - Brasile). E' stato insignito di Croce d'oro per anzianità di Servizio, Medaglia di bronzo al Merito di Lungo Comando di Reparto, Croce al Merito per la difesa dell'Ordine Pubblico e delle Pubbliche Istituzioni. Attualmente vive a Jonadi, suo paese natale. Oltre a collaborare con giornali e riviste nazionali e locali, ha pubblicato: FIORE DI MELOGRANO - Raccolta di Poesie - Libroitaliano (Ragusa) Anno 1996 - MARIA MADDALENA NON HA CASA IN VATICANO (Saggio storico letterario) Adhoc Edizioni (Vibo Valentia) Anno 2008 (citazione TG2 Rai); - NOLI ME TANGERE (Saggio storico letterario) Adhoc Edizioni (Vibo Valentia) Anno 2011; - SANGUE ITALIANO - I Caduti di Jonadi nella Prima Guerra Mondiale - SBV Edizioni. Anno 2013 (servizio con, intervista all'autore dal settimanale televisivo "Mizar" della Redazione Cultura del TG2 Rai);

Francesco Deodato - Mandylion - Libritalia Edizioni € 18


A questo punto, Gerard, che aveva pensato per un momento di avere avuto una grande intuizione, ritornò nella sua normalità di persona appassionata ma non esperta come poteva esserlo l'amico. Parliamo prima di Boudet! - disse l'italiano - Tu sai che Henri Boudet fu l'autore di un libro di grande importanza per noi ricercatori del cristianesimo delle origini e della storia templare. L' opera si intitolava "La vrai langue Celtique" pubblicata nel 1886. Se pensiamo che un'opera, ragionevolmente, per essere scritta, ha necessità almeno di un anno di tempo, l'anno dell'ideazione è il 1885. Bene, questo è anche l'anno in cui un altro personaggio che tra poco entrerà nella nostra storia, arriva a Rennes le Chateau, a pochi chilometri da qui ed a pochissimi da Rennes les Bagnes dove l'abate Boudet esercita il suo ministero. Questo personaggio è François Bérenger Saunière, il prete che, secondo molti, diventò ricco per essere riuscito a ritrovare... - Davide si fermò e guardò l'amico sorridendo e richiamandolo all'espressione che lui aveva avuto poco prima - . . .una parte?, diciamo una parte del tesoro dei Templari? Gerard lo seguiva annuendo. Ecco, l'opera di Boudet, che per molti fu il vero artefice della storia locale di quegli anni, dedica a Limox un intero capitolo e non può non parlare della sua cattedrale e della sua fontana miracolosa.